Pubblicato il

La Madonna del Rosario

La Madonna del Rosario

È il titolo con cui il 7 ottobre si festeggia la Santa Madre di Dio in memoria della vittoriosa battaglia navale a Lepanto combattuta il 7 ottobre 1571 dalla lega cattolica, costituitasi sotto gli auspici di Papa Pio V fra la Spagna, Venezia ed altri Stati, in maggioranza italiani, per arrestare l’invasione dei turchi musulmani in Europa. Papa Pio V, che in quel giorno era in riunione con alcuni cardinali, si alzò improvvisamente e comunicò agli astanti di aver avuto la visione della vittoria dell’armata cristiana a Lepanto e ne attribuì il merito all’intervento della Madonna, fervorosamente invocata dal popolo cristiano con la recita incessante del santo Rosario.

 Ma i turchi non demordono: un secolo dopo, nel 1683, un’armata turca di 150.000 uomini minacciava Vienna e intendeva successivamente conquistare Roma e fare di San Pietro una scuderia per cavalli. Di fronte ad un tale potente esercito si posero le figure gigantesche del grande Papa Innocenzo XI e del cappuccino Marco d’Aviano, che attraversò l’Europa predicando con grande ardore e benedicendo le innumerevoli folle che accorrevano a lui in tante città dell’Europa cristiana. Per merito di entrambi poté stipularsi un’alleanza tra le potenze cristiane. E il 12 settembre 1683 ebbe inizio la battaglia per liberare Vienna dall’assedio del possente esercito musulmano, costretto miracolosamente alla resa.

Innocenzo XI credeva fermamente che la sconfitta dei turchi fosse dovuta all’intervento della Madonna e grandi celebrazioni furono indette a Santa Maria maggiore e si decretò, inoltre, che il 12 settembre in tutta la chiesa si celebrasse la festa del Santo nome di Maria.

vi furono successivamente altri tentativi da parte degli islamici di conquistare terre europee senza però risultati grazie alla tenace resistenza cristiana. Ma l’Islam non desiste: l’Europa, protetta eroicamente nei secoli passati dai nostri antenati, sta ora cedendo alle ondate di flussi migratori di centinaia di migliaia di giovani islamici che si installano nelle nostre città, ove vivono attivamente con le elargizioni dei nostri governi, con l’assistenza sanitaria gratuita e non fanno mistero della loro volontà di islamizzare l’Europa, forti del fatto, incontestabile, della denatalità dei nostri paesi e della prolificità delle loro donne che generosamente abbiamo accolto. Ma il popolo fedele, instancabilmente, invoca l’intervento della sua Bella Signora nella certezza incrollabile che sconfiggerà ancora i nemici di suo figlio.

(Articolo scritto da Alberto Pilotti)