Rosario in acciaio – Proles David Inclita

36,00

Materiali:
– filo in acciaio inox
– grani in legno naturale scuro 8mm
– componenti in metallo

Componenti:
– distanziatori di San Benedetto
– croce di San Benedetto
– crociera di San Benedetto

Lunghezza: 57cm

Si può indossare? SI

Aggiungi il contenitore

Vuoi aggiungere una medaglia personalizzata con un'immagine scelta da te?

Descrizione

La medaglia di San Benedetto

San Benedetto per sconfiggere il male

La medaglia  di san Benedetto è la medaglia/croce per eccellenza contro il male, contro Satana. Per questo motivo è una delle croci più utilizzate per la realizzazione dei nostri rosari ( insieme alla croce del perdono).

Andiamo ad analizzarla.

Sul retro della medaglia, in cui è riportata la croce, si legge la scritta “Pax” (Pace), motto dell’ordine benedettino. Attorno alla croce sono riportati vari acronimi delle più note preghiere di esorcismo:

C.S.P.B. = Crux Sancti Patris Benedicti (Croce del Santo Padre Benedetto)

C.S.S.M.L. = Crux Sacra Sit Mihi Lux (la Santa Croce sia la mia luce)

N.D.S.M.D. = Non Draco Sit Mihi Dux (non sia il demonio il mio condottiero)

V.R.S. = Vade Retro, Satana! (allontanati, satana!)

N.S.M.V. = Numquam Suade Mihi Vana (Non mi attirare alle vanità)

S.M.Q.L. = Sunt Mala Quae Libas (sono mali le tue bevande)

I.V.B. = Ipse Venena Bibas (bevi tu stesso i tuoi veleni)

Sul fronte c’è la raffigurazione di san Benedetto  in abiti monastici, reggente nella mano destra la Croce e nella mano sinistra un libro aperto, a rappresentare la Regola, il suo manoscritto.

Ai lati del santo sono ricordati due episodi riguardanti i tentativi di avvelenamento da parte dei monaci presso il monastero in cui risiedeva inizialmente. Sulla destra una coppa con un serpente e sulla sinistra un pane e un corvo. Infatti i monaci, gelosi di San Benedetto e del suo successo come ‘uomo di Dio’, gli intossicarono il vino, gli avvelenarono il pane, ma a lui bastò un segno di croce ed il bicchiere impestato si frantumò e un corvo venne a far sparire il pane avvelenato.

Sopra la coppa e il corvo, sono poste le parole “Crux S[ancti] Patris Benedicti” (“Croce del santo padre Benedetto”). Tutt’intorno alla medaglia corre la scritta “Eius in obitu n[ost]ro praesentia muniamur” (“Ci difenda nella nostra morte con la sua presenza”), che rimanda al ruolo riconosciuto a san Benedetto nella “buona morte”. Ai piedi del santo è posta la scritta “ex S M Casino MDCCCLXXX” (dal Santo Monte Cassino 1880), che commemora, nell’anno del Giubileo 1880, il 1400esimo anniversario della nascita di san Benedetto.

A fronte del costante aumento della devozione a san Benedetto, con un breve del 1742 papa Benedetto XIV approvò la medaglia, concedendo che ad essa e al crocifisso che la vede incastonata (anche noto come “Crocifisso della Buona Morte”) venisse connessa un’indulgenza plenaria, specialmente in punto di morte, facendo dei due oggetti dei sacramentali della Chiesa Cattolica («si chiamano sacramentali i sacri segni istituiti dalla Chiesa il cui scopo è di preparare gli uomini a ricevere il frutto dei sacramenti e di santificare le varie circostanze della vita»

PREGHIERA A SAN BENEDETTO

Croce del Santo Padre Benedetto.

Non sia il demonio il mio condottiero;

la Santa Croce sia la mia luce.

Allontanati, satana!

Non mi attirare alle vanità;

sono mali le tue bevande.

Bevi tu stesso i tuoi veleni.

Informazioni aggiuntive

Peso 70 g