Pubblicato il

Santa Rita da Cascia

Santa Rita da Cascia nasce a Rocca Porena, frazione di Cascia, nel 1371 o nel 1381. A 15 anni viene data in sposa ad un uomo di carattere violento. 
Bambina, ragazza, poi moglie e madre di due figli maschi; vedova (il marito ghibellino verrà assassinato da sicari della fazione opposta), ed infine, dopo la morte dei suoi figli che non vendicarono il padre, monaca: tutte le fasi della vita di una donna. 
La sua fama di Santa, operatrice di grazie, si è sparsa nel mondo anche ad opera di tanti emigranti italiani che ne diffusero la venerazione ovunque, specialmente in Brasile, ove le è stata dedicata una statua alta 56 metri. La statua cattolica più alta del monto. 
Muore nel 1447 o 1457.

Quattro secoli dopo, nel 1900, viene canonizzata da Papa Leone XIII e la Chiesa ne fa il modello di donna che rappresenta tutti gli aspetti di vita femminile secondo la moralità e la dottrina cattolica. Esempio per una donna che si appresta a vivere la modernità del 20esimo secolo. 
Rita, la grande taumaturga, il cui intervento ottiene grazie e miracoli anche nei casi impossibili.
A conferma della potenza dell’intercessione della Santa, gli Ex Voto per grazia ricevuta continuano ad arrivare numerosissimi nel santuario, come numerosissimi sono i pellegrini che ogni anno da 500 anni, si recano a Cascia per ringraziarla o rivolgersi a lei per implorare il suo aiuto.

Statua Santa Rita da Cascia in Brasile

(Articolo scritto da Alberto Pilotti)